Monge: ottimizzazione delle sequenze e livello di servizio.

L' I.T. Manager di Monge & C. S.p.A. racconta i risultati del progetto di implementazione del modulo FCP (Finite Capacity Planning) della suite Compass10.


Il gruppo Monge è la più importante realtà produttiva e industriale italiana nel settore degli alimenti per cani e gatti. L’ampiezza della gamma di prodotti offerti (sia a marchio proprio che private label) e la forte dinamicità del mercato hanno portato l'azienda, a voler dotarsi di un nuovo sistema software per la schedulazione a capacità finita, fondamentale per cogliere l'obiettivo di individuare un trade-off corretto tra ottimizzazione delle sequenze e mantenimento del livello di servizio al cliente.

In questa breve intervista, l'I.T. Manager dell'azienda, Ing. Umberto Dal Maso, evidenzia motivazioni e risultati raggiunti.

In che modo Compass10 vi ha aiutato a rendere più efficace e tempestivo il processo di pianificazione?

La velocità di realizzazione dell’ MRP e la possibilità di valutare diversi scenari, andando a cambiare le politiche di pianificazione articolo per articolo, sono tra le funzionalità che più ci hanno aiutato a migliorare la pianificazione della produzione e del confezionamento.

Che risultati avete ottenuto attraverso l’introduzione di Compass10? Soprattutto in termini di livello di servizio?

Abbiamo avuto un’ incremento nella produzione di oltre il 20%, grazie allo studio accurato delle politiche di pianificazione e alla gestione puntigliosa degli scenari, considerando giornalmente il portafoglio ordini dell’azienda.

In che modo Compass10 ha incontrato le esigenze peculiari del vostro settore/contesto?

La primaria desiderata era quella di poter disporre di uno strumento, versatile e che fosse nella sua architettura “SMART” nell’introdurre i dati di gestione e programmazione della produzione con la veloce analisi degli stessi al fine di disporre di una accurata analisi della programmazione della produzione al mutare delle variabili di Supply Chain.