#GLSummit21 – Logistics Cafè: Intervista a Angelo La Malfa, Resp. Marketing e Comunicazione

GLSummit » Logistics Cafè » Intervista ad Angelo La Malfa, Responsabile Marketing e Comunicazione di Plannet Srl



 

Buongiorno Angelo La Malfa, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLSummit21. Cosa vi aspettate da questo evento, finalmente di nuovo in presenza?

Buongiorno, grazie a voi. Il GLS si conferma anche quest’anno un appuntamento importante da segnare in agenda per tutte le realtà attive nel settore della Supply Chain. Come Plannet, non potevamo mancare e la possibilità che l’evento venga confermato in presenza, nonostante il contesto sia ancora difficile, è una motivazione in più, sarebbe un primo bel segnale per un ritorno graduale ai momenti di confronto con addetti e operatori del settore, che tanto sono mancati.

 

La Pandemia di Covid19 ha cambiato il mondo in un solo anno molto più di quanto non sia accaduto nei 30 che ci hanno portati in Rete e connessi. Cosa resterà di questo periodo in ambito logistico? Quali trasformazioni rese necessarie dall’emergenza sanitaria resteranno tra noi, anche quando tutto questo sarà terminato?

Dal nostro punto di vista, la pandemia da un lato ha introdotto una complessità maggiore in tutto il settore e nei processi di pianificazione della supply chain, dall’altro ha accelerato incredibilmente processi di trasformazione già in atto. I clienti hanno dovuto rivedere i processi di pianificazione per gestire meglio la volatilità della domanda e la propria catena di distribuzione, che in alcuni casi è stata completamente stravolta. Per questo, in Plannet, abbiamo potenziato i nostri software di Planning & Scheduling, soprattutto il Plan Cost Optimiser, per rispondere meglio a queste esigenze. Ciò che crediamo rimarrà, quando tutto sarà finito, saranno molto probabilmente una trasformazione digitale imponente della supply chain e processi di pianificazione rivisti, in grado di supportare meglio la resilienza delle catene distributive. Ad esempio, crediamo che la capacità di simulazione e pianificazione di scenari alternativi, sarà un aspetto fondamentale in questo senso.

 

Cosa consigliereste ad un nuovo cliente che vi contattasse per comprendere meglio le dinamiche e le opportunità offerte da Industria 4.0?

Con la Legge di Bilancio del 2021 sono stati prorogati i crediti d’imposta previsti dal Nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0. Per questo motivo, le opportunità per i clienti che vogliono investire in progetti di trasformazione digitale, sono davvero molto interessanti. Noi ci stiamo muovendo per supportare al meglio i nostri clienti anche sotto questo aspetto. Ad esempio, per l’implementazione di una suite software integrata di ottimizzazione costi, pianificazione, schedulazione a capacità finita e MES, come Compass10, applicando la Nuova Sabatini, il Credito d’imposta sui beni immateriali (software) e il Credito d’imposta su Innovazione 4.0 (green e digitale), è possibile ottenere un recupero fiscale fino al 36%, sul costo netto dell’investimento.

 

Il tema della sostenibilità è sempre più al centro del dibattito e le aziende più impegnate in questo ambito iniziano a veder premiati i propri sforzi anche in ambito B2B. Può la logistica andare davvero in questa direzione?

È un tema che abbiamo affrontato già nel corso dell’ultima edizione del GLS e lo riproponiamo con forza quest’anno. Come Plannet, abbiamo investito in sviluppo software e in nuove partnership, e stiamo già proponendo sul mercato soluzioni software che vanno proprio in questa direzione e che legano il monitoraggio dell’avanzamento produzione al tema dell’efficienza energetica per ottimizzare i costi e la gestione degli impianti. Sto parlando del nuovo Energy Management System, che presenteremo insieme alle altre novità.

 

Fonte: glsummit.it